Cronistoria del Judo Club Ceresio Caslano, a 50 anni dalla fondazione

Materassi dismessi dall’Arsenale militare i primi tatami

 

Era il dicembre 1966 quando un gruppo di amici appassionati arti marziali a Soresina, frazione di Rivera, gettò le basi per la creazione di un club di judo. La società denominata «Judo Club Rivera» si insediò nei locali del Grotto Leoni dove il 9 dicembre si tenne l’assemblea costitutiva.

Gualtiero Amadò venne nominato presidente con Luigi Curonici nella funzione di vice. Quale segretario e cassiere fu scelto Pio Bernasconi, mentre come membri Ivan Lorenzetti, Gianfranco Gianpietro, Franco Percassi, Giorgio Pozzi e Angelo Costa in funzione di maestro allenatore. Molto entusiasmo, ma pochi soldi tanto è vero che a mo’ di tatami vennero usati dei materassi dismessi dell’Arsenale militare del Monte Ceneri.

Nel 1968 si costituì anche la Federazione ticinese di judo e budo, mentre il Judo Club Rivera aderì alla Federazione svizzera. Da Rivera alla Scuola Club Migros di Lugano e poi a Maroggia.La società nei primi anni ha dovuto affrontare parecchie difficoltà logistiche con diversi spostamenti di sede per potersi allenare. Dapprima vi fu la possibilità di allestire la palestra presso la Scuola club Migros in via Peri a Lugano a condizione che la Scuola Migros potesse usufruire dei tappeti per i loro corsi e poter fare affidamento sugli istruttori del judo club. In seguito fu l’Istituto Don Bosco di Maroggia ad ospitare la sede e quindi, sempre a Maroggia, a disporre di un locale presso l’edificio dei Tannini Ticinesi. Malgrado i continui spostamenti il sodalizio non ha mai interrotto la propria attività. Il trasferimento sulle rive del lago di Lugano ha fatto sì che al posto di Rivera si apponesse il nome Ceresio.

Finalmente una sede definitiva a Caslano L’obiettivo comunque era Caslano dove si stavano costruendo le nuove scuole maggiori consortili, un edificio moderno con ampi spazi. L’idea del comitato da proporre al Consorzio scolastico del Basso Malcantone era quella di creare una scuola di judo nel Malcantone per occupare i giovani nel loro tempo libero. I contatti con le autorità furono positivi, le scuole dispongono di due palestre, quella principale e una più piccola denominata palestrina. Il consorzio mise a disposizione quest’ultima con una superficie per i tatami di oltre 130 m2, un ufficio, due grandi docce con spogliatoio, e tutto a costo zero. I tatami potevano rimanere fissi e le attività poterono partire nel settembre del 1974 con l’inizio dell’anno scolastico. Con questa nuova e definitiva sistemazione la società prese la denominazione di Judo Club Ceresio Caslano. La società, oltre all’attività judoistica, propose la pratica del Ju-Jitsu e del Tai-chi. Nel 2000 su richiesta di manfred Müller, il club introdusse il Tai Chi Chuan un affascinante disciplina cinese che contempla cinque elementi, associati ai diversi spostamenti del corpo. La respirazione regolare, profonda e ritmata, oltre al fatto di contribuire all’eliminazione delle tensioni, agisce come specie di massaggio fisiologico degli organismi interni. Il Judo Club Ceresio Caslano propose, a partire dal 1995, un’importante torneo internazionale denominato «Coppa Malcantone».

Il tempo corre inesorabile e nel dicembre 2016 il Judo Club Ceresio Caslano spegnerà cinquanta candeline. Auguri!

Pier Gaggini Il Malcantone 2016/2-3